Piranesi Giovanni Battista

Mogliano Veneto (?), 1720 - Roma, 1778

Iscrizione de' Soldati Pretoriani

Inventario

Numero inventario: M-1400_102
Inventario storico di categoria: 1400/102
Nuovo inventario di categoria: 10561
Stampa corrispondente: S-CL2394_18689
IVS2: CL16211
Collocazione: Calcoteca

Autori

Incisore: Piranesi Giovanni Battista (1720/ 1778)
Disegnatore: Piranesi Giovanni Battista (1720/ 1778)

Soggetto

Titolo proprio: Iscrizione de' Soldati Pretoriani
Serie: Le antichità romane
Denominazione raccolta: Firmin Didot (Piranesi)

Oggetto

Definizione: matrice incisa

Cronologia

Datazione: 1751-1756 (Sec. XVIII)

Dati tecnici

Tecnica: Acquaforte su rame;
Misure: mm 401 x 492, spess. 1,4-1,5

Iscrizioni

Iscrizioni: In alto a sinistra: LIII / 102; in alto a destra: Tom. II.
In basso: Iscrizioni de' Soldati Pretoriani; sotto a sinistra: Piranesi Archit. dis. ed inc.

Osservazioni:

Osservazioni: Sono illustrate in queste tavole (catt. 129-133) alcune lapidi di soldati pretoriani con iscrizioni che furono ritrovate piantate nel terreno antistante le camere sepolcrali della Villa de' Cinque.
L'organizzazione grafica delle composizioni, con i marmi parzialmente incassati o appoggiati all'intonaco del piano di fondo, echeggia i criteri espositivi dei moderni allestimenti museali, dal museo lapidario veronese di Scipione Maffei, alle lapidi del colombario dei liberti di Livia nel Museo del Campidoglio (cfr. cat. 128 e Battaglia 1996, pp. 65-66).
Le matrici sono incise prevalentemente all'acquaforte (le matrici catt. 130-131-132 esclusivamente a acquaforte), su un disegno tracciato a secco sulla lastra di cui sono ancora evidenti anche in stampa le linee di costruzione. Laddove presenti (in questa matrice e in quella cat. 133), gli interventi a  bulino sono finalizzati a definire il disegno di alcuni particolari – come in questa matrice sul ferramento (A) e sull'estremità superiore dell'asta della stadera (B) – ma soprattutto a intensificare le vibrazioni chiaroscurali dello spessore frammentato delle lapidi in basso, per enfatizzare agli occhi dell'osservatore moderno l'azione del tempo sulla memoria della storia. Altrove (catt. 130-131-132), le modulazioni tonali della parte inferiore delle lapidi sono il risultato anche di pennellate di vernice di riserva, applicate sulla vernice di preparazione tra il primo bagno acido e i successivi.
In tutte le tavole lo sfondo attorno alle lapidi è inciso col tiralinee; le linee orizzontali tracciate dallo strumento meccanico si infittiscono per rappresentare le ombre proiettate dai reperti sul piano: un espediente grafico a cui si ricorre spesso nell'opera piranesiana per conferire volume agli oggetti archeologici illustrati, esaltandone la terza dimensione, a rimarcare l'imprescindibile loro presenza nel contesto reale, come testimonianza dei tempi antichi e esempio per i secoli a venire.  
Da un punto di vista tecnico, ravvicinare di molto i segmenti tracciati col tiralinee può causare alcuni problemi, sia in fase di morsura che di stampa, i quali si evidenziano soprattutto con il proseguire delle tirature. Questo fenomeno si può osservare nel dettaglio in alcune parti in ombra delineate sulle matrici catt. 131, 132, 133, dove la porzione di lastra interessata restituisce in stampa delle disomogeneità, ossia macchie chiare sul tessuto parallelo dell'incisione, assenti o comunque meno evidenti sugli stati primo e secondo delle stampe consultate (Corsini; BAV, Cicognara e Barberini).
Si segnalano, infine, le abrasioni: sulla prima matrice (cat. 129), nel frammento in basso a destra sotto le attuali lettere CANO MIL CHO (con ribattitura a punzone sul verso, per riportare la superficie del rame a livello dopo l'intervento); e sulla matrice cat. 132, effettuata per rimuovere un accento posizionato sulla lettera A (IVLIVSDIZÀLAE) nella lapide centrale. L'accento è presente ancora nelle stampe della Biblioteca Vaticana (Cicognara e Barberini) e Corsini, mentre non compare più nell'edizione dell'Accademia di San Luca (ASL 1691), donata dall'autore nel 1761.
Questo particolare, come anche la presenza dell'indicazione del tomo in alto a sinistra a penna e inchiostro (BAV, Cicognara), consentono di stabile una cronologia degli stati come specificato nel campo di questa incisione.
L'elementare elaborazione di questo gruppo di matrici, in cui viene utilizzato un repertorio di trame segniche piuttosto convenzionale, consente di attribuire gli elaborati alla bottega di Piranesi (come già Monferini 1967, p. 300), piuttosto che alla mano dell'architetto che comunque le sottoscrive.

Bibliografia

  • Petrucci, 1953, n. 102, tav. 53, p. 247  
  • Focillon, 1967, n. 275, p. 306
  • Wilton-Ely, 1994, n. 410, p. 462
  • Ficacci, 2000, n. 267, p. 248.

Condizione giuridica

Condizione giuridica: Ministero per i Beni e le Attivita' Culturali
Acquisizione: Acquisto

Compilazione

Compilatore: Giovanna Scaloni
Condividi quest’opera

Altre opere in collezione


Nella Banca Dati dell’Istituto sono confluiti dati e informazioni della catalogazione informatizzata effettuata su tutto il patrimonio, a partire da una massiva schedatura realizzata agli albori dell’era tecnologica nel biennio 1987-89, che ha interessato l’intera consistenza delle collezioni di stampe. Si sono succeduti nel tempo vari interventi, rivolti a catalogare i vari settori del patrimonio (stampe, disegni, matrici, fotografie, grafica contemporanea). Non abbiamo a disposizione descrizioni complete per tutte le opere, stiamo lavorando per aggiornare le nostre schede, ma consideriamo questa banca dati come uno strumento che ci permetterà nel tempo di ampliare e approfondire le informazioni che sono già contenute, mettendo a disposizione degli studiosi e dei visitatori il frutto dei nostri studi e ricerche.

© 2020-2021. Istituto Centrale per la Grafica. Via della Stamperia 6, 00187 Roma
Note legali: Tutti i diritti sui cataloghi, sulle immagini, sui testi e/o su altro materiale pubblicato su questo sito sono soggetti alle leggi sul diritto di autore.
Per usi commerciali dei contenuti contattare l'Istituto: ic-gr@beniculturali.it


Real Academia de Bellas Artes de San Fernando
Questa banca dati è stata realizzata nell’ambito di una collaborazione dell’Istituto Centrale per la Grafica con la Reale Accademia di Belle Arti di San Fernando (Madrid, Spagna), che ha gentilmente fornito il software necessario al suo funzionamento e alla gestione dei contenuti