Chaperon Nicolas

Chateaudun, ante 1612 - Lione, ca. 1653

APPREHENSA LACINIA VESTIMENTI, DIXIT HERA : DORMI MECUM ..

Inventario

Numero inventario: S-FN1016
Inventario precedente: FN34730
Collocazione: Gabinetto Disegni e Stampe, Fondo Nazionale; Pio; volume 8F.PIO

Autori

Incisore: Chaperon Nicolas (ante 1612/ 1653 ca.)
Inventore: Sanzio Raffaello (1483/ 1520)
Ambito culturale: francese

Soggetto

Identificazione: GIUSEPPE E LA MOGLIE DI PUTIFARRE
Titolo proprio: APPREHENSA LACINIA VESTIMENTI, DIXIT HERA : DORMI MECUM .. (da stampa)
Serie: SACRAE HISTORIAE ACTA
Fondo: Fondo Pio

Cronologia

Datazione: 1649

Dati tecnici

Misure foglio: mm. 231 x 258
Materia e tecnica: acquaforte
Stato di conservazione: discreto (carta ingiallita, foxing)

Editori/Stampatori

Editore: Mariette Pierre I (Parigi 1603 ca./ Parigi 1657)
Luogo e data di edizione: Parigi (?)

Osservazioni:

Osservazioni: Tra i migliori allievi di Simon Vouet, Nicolas Chaperon si trasferì a Roma nel 1642 e si affiancò allo stile classicista di Nicolas Poussin. Fu proprio quest'ultimo pittore che, tramite l'incarico ricevuto dal re di Francia, gli commissionò le 54 lastre incise raffiguranti le più famose pitture di Raffaello. Se ne conoscono 4 stati presentati con due frontespizi (come da tradizione quindi 52 riproducenti i dipinti e due frontespizi): il più raro presenta nel frontespizio la parole Ille ego sum Raphael e la seconda tavola senza la dedica, il secondo ha la dedica e l'aggiunta cum Privilegio Regis, il terzo con l'aggiunta nel cippo presente nel frontespizio Lutetiae Parisiorum e con l'excudit del Mariette, infine il quarto ritoccato e pubblicato tra Sei e Settecento (British Museum, L,66.2).
Ogni tavola è doppiamente firmata, R.V.I. ovvero Raphael Urbinas Invenit e N.C.F. equivalente di Nicolas Chaperon Fecit, presentando due frontespizi molto suggestivi: in uno il medesimo peintre-graveur è raffigurato affianco alla statua di Raffaello incoronata dalla Fama (vedi S-FN989), nel secondo è riprodotto il profeta Isaia (tratto dall'affresco di Raffaello in Sant'Agostino) al di sotto del cartiglio con la dedica al consigliere del re, Gilles Renard, con la data di esecuzione dell'opera.
Le tavole sono fin dalla data della loro esecuzione considerate le più fedeli agli affreschi e le più vicine al gusto classico in voga in quegli anni tra Roma e Parigi.

Bibliografia

  • K.H. Von Heinecken, Idée générale d'une collection complète d'estampes, Leipzig-Wien, 1771, IV, p. 33  
  • G. G. Gandellini, Notizie degl'intagliatori con osservazioni critiche aggiunte dal padre Luigi De Angelis, 1810, p. 267  
  • T. Euboeus, Catalogue des Estampes, Gravées d'aprés Raphael, Frankfurt, 1819, II, p. 41  
  • G. K. Nagler, Die Monogrammisten und diejenigen und unbekannten Künstler aller Schulen, Bezeichnung ihrer Werke eines figürlichen Zeichens, der Initialen des Namens, der Abbreviatur desselben, 1835, II, p. 492
  • R. Dumesnil, Le peintre-Graveur Français, 1842, VI, p. 215  
  • C. Le Blanc, Manuel de l'amateur d'estampes, 1850, I (ma edizione 1970), p. 629  
  • J. D. Passavant, Raphael d'Urbin et son pére Giovanni Santi, 2 voll, Paris, 1860, II, p. 169  
  • N. Dacos, Le Logge di Raffaello. Maestro e bottega di fronte all'antico, Roma, 1977, p. 5
  • Raphael invenit, pp. 86-89 e rispettive tavole
  • S. Laveissiere, D. Jacquot, G. Kazerouni, Nicolas Chaperon 1612-1654-55. Du graveur au peintre retrouvé, Nimes, 1999

Opera originale

Opera finale/originale: AFFRESCO
Soggetto opera finale/originale: GIUSEPPE E LA MOGLIE DI PUTIFARRE

Condizione giuridica

Condizione giuridica: Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Fonti e documenti di riferimento

Immagine: 1030704
Condividi quest’opera

Altre opere in collezione


Nella Banca Dati dell’Istituto sono confluiti dati e informazioni della catalogazione informatizzata effettuata su tutto il patrimonio, a partire da una massiva schedatura realizzata agli albori dell’era tecnologica nel biennio 1987-89, che ha interessato l’intera consistenza delle collezioni di stampe. Si sono succeduti nel tempo vari interventi, rivolti a catalogare i vari settori del patrimonio (stampe, disegni, matrici, fotografie, grafica contemporanea). Non abbiamo a disposizione descrizioni complete per tutte le opere, stiamo lavorando per aggiornare le nostre schede, ma consideriamo questa banca dati come uno strumento che ci permetterà nel tempo di ampliare e approfondire le informazioni che sono già contenute, mettendo a disposizione degli studiosi e dei visitatori il frutto dei nostri studi e ricerche.

© 2020-2023. Istituto Centrale per la Grafica. Via della Stamperia 6, 00187 Roma
Note legali: Tutti i diritti sui cataloghi, sulle immagini, sui testi e/o su altro materiale pubblicato su questo sito sono soggetti alle leggi sul diritto di autore.
Per usi commerciali dei contenuti contattare l'Istituto: ic-gr@cultura.gov.it


Real Academia de Bellas Artes de San Fernando
Questa banca dati è stata realizzata nell’ambito di una collaborazione dell’Istituto Centrale per la Grafica con la Reale Accademia di Belle Arti di San Fernando (Madrid, Spagna), che ha gentilmente fornito il software necessario al suo funzionamento e alla gestione dei contenuti